Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

2013 ANNO DELLA CULTURA ITALIANA NEGLI USA: LA RICERCA ITALIANA SI PRESENTA A HOUSTON

Data:

25/09/2013



2013 ANNO DELLA CULTURA ITALIANA NEGLI USA: LA RICERCA ITALIANA SI PRESENTA A HOUSTON

Il 14 dicembre Houston ha ospitato la IX Conferenza dei Ricercatori Italiani nel Mondo, organizzata dal Comites della circoscrizione consolare di Houston in cooperazione con il CTIM ed il Consolato Generale d'Italia, che e' anche tra i patrocinatori dell'evento.
La Conferenza fornisce un prezioso strumento per creare legami tra Italia e Stati Uniti nei settori piu' avanzati, ed ha incrementato nel corso degli anni la sua capacita' di richiamo proprio grazie alla sua caratteristica di creare collegamenti tra il mondo della ricerca italiano e quello statunitense.

Anche quest'anno sono giunti a Houston numerosi partecipanti dal Texas e dal resto degli USA, ma anche dall'Italia. Tra di essi circa 50 speakers, che si sono alternati nel corso della giornata presentando le proprie ricerche ed esperimenti nei vari settori delle scienze biomediche, dell'ingegneria, della fisica, dell'aerospazio e delle discipline umanistiche e letterarie. Particolarmente emozionante il collegamento in videoconferenza con due ricercatrici italiane nella base "Mario Zucchelli" in Antartide.

Anche quest'anno sono arrivati numerosi messaggi di apprezzamento e riconoscimento dalle piu' alte cariche dello Stato in Italia e in Texas. Il Parlamento e' stato rappresentato dal Senatore Renato Turano, il quale ha portato il saluto dei Presidenti del Consiglio e del Senato ed assicurato circa l'impegno che il Parlamento dedica alla ricerca ed a far conoscere le opportunita' che gli italiani all'estero offrono all'Italia.

I ricercatori italiani che hanno partecipato alla conferenza respingono l'etichetta di "cervelli in fuga", evidenziando piuttosto l'intensita' dei legami che ognuno di loro mantiene con il nostro Paese. Nel corso degli ultimi anni la piattaforma offerta dalla Conferenza ha in particolare consentito il rafforzamento della presenza italiana in questa parte degli Stati Uniti grazie alla messa in opera del primo dottorato congiunto in Biomedicina e Neuroscienze tra l'Universita' di Palermo e la University of Texas Medical Branch di Galveston, che rilascia titoli validi sia in Italia che negli USA, ed un nuovo progetto tra le stesse Universita', la NASA e la University of Southampton nella medicina spaziale.

 


349