Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

MASSIMILIANO FINAZZER FLORY PORTA IL FUTURISMO SUL PALCOSCENICO A HOUSTON

Data:

23/04/2014



MASSIMILIANO FINAZZER FLORY PORTA IL FUTURISMO SUL PALCOSCENICO A HOUSTON

Houston - Il 3 giugno 2014 alle 19 la St Thomas University ospitera’ l’unica rappresentazione in Texas della “Grande Serata Futurista” di Massimiliano Finazzer Flory, che torna per la terza volta a Houston dopo il successo de “I Promessi Sposi” e “Pinocchio”.

 

Lo spirito della rappresentazione, che e’ presentata dal Consolato Generale d’Italia a Houston, Cathy e Giorgio Borlenghi, l’Hotel Granduca, la University of St Thomas, l’Italian Cultural and Community Center e Acqua di Parma, e’ cosi’ riassunto dallo stesso Massimiliano Finazzer Flory:

Perche’ vogliamo portare il Futurismo sul palcoscenico ?
Perche’ forma parte della nostra storia.
Perche’ siamo innamorati del domani trascendente.
Perche’ crediamo nell’immaginazione senza fili.

Il teatro e’ vita. La vita e’ movimento. Il movimento e’ Futurismo.

A Great Futurist Evening rappresenta la vita, il movimento, la Potenza e l’uso dell’energia che I futuristi richiedevano all’Italia, un Paese che probabilmente aveva smarrito “l’amore per il rischio e la spericolatezza.”

Massimiliano Finazzer Flory esamina il potere dell’affermazione, della fantasia e della civilta’ tecnologica con parole di fantasia e immaginazione. Egli diventa “l’atleta del cuore”, impersonando il ruolo di Filippo Tommaso Marinetti e il suo Manifesto Futurista. Senza Marinetti non ci sarebbe stato il Futurismo.

Finazzer Flory presta la sua voce anche a Giovanni Papini, a cento anni dalla pubblicazione della sua controversa rivista Lacerba. Papini lavorava contro l’inutile ammirazione del passato, e a favore delle giovani generazioni.

Una rappresentazione intensa ed incendiaria che tocca l’identita’ dell’uomo, nel cui cuore voce e corpo si riuniscono per cantare “le grandi folle agitate da lavoro, piacere e rivolta.”

 


372